Poesia

l’autocertificazione

Nessuno va più in giro con l’autocertificazione

Tutti se ne sono sbarazzati

appena hanno saputo che non serviva più,

resistono solo quelle dimenticate

nei cruscotti delle auto

e qualche macilento testo di poesia.

Ne ho letta una nuova del poeta Arminio

Autocertificazione, la mia è datata 8 gennaio 2019

L’avevo resa sotto il Cielo,

Dopo che eri andata via Tu,

Molto prima che venisse questa pandemia.

(Nella Immagine in evidenza, una foto della Rosa dei Venti scattata il 6 giugno 2020 sul lungomare di Marina di Pisa, nei pressi del molo di Bocca D’Arno)

Questa la poesia di Franco Arminio

AUTOCERTIFICAZIONE

Tremo di paura da quando sono nato
e il tremore non si addomestica.
Andrò via senza padroni,
senza soci di furbizia.
Sono qui con i fili tutti scoperti,
scrivo e vivo in bella vista,
appartengo a piccole vicende,
al vento e alla neve del mio paese.
Sono e sarò sempre fratello
degli inquieti, degli incerti.
Non mi salverà nessuno
e non salverò nessuno,
ma è bello essere liberi e appassionati,
aperti al soffio di ogni cosa:
l’anima non è nient’altro
che una rosa.


Grazie per il tempo che hai dedicato a questa lettura. 
Se ti è piaciuta accedi alla pagina Contatti e sostieni con il tuo contributo le iniziative di questo spazio.

Se vuoi sostenere le pagine di Beaufort o le iniziative di CIVICO POESIA fai la tua donazione libera qui.

Donate

> Sostieni il progetto e le iniziative per la produzione della Fiaba musicale La Fantasia del Vento, verrai citato nei credits.
icone-02 - APL - Onlus
DONA ORA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...