Poesia · Racconti

Ode a Diego Armando Maradona

Ode a Diego Armando Maradona

¿de qué planeta viniste?

Aquilone cosmico
così nel cielo azzurro
di ogni giorno alba
della mia età più bella
fiore rivoluzionario.

Tutto in una vita sola:
genio e sregolatezza
uomo e giocoliere
campione e condottiero
nostalgia e solitudine
capitano di sogni e di vittorie
di Bombonera in Boca, fino allo stadio della mia città          [5 luglio 1984

Pibe de oro, piede sinistro di Dio
dentro lo scarpino sciolto
Mano de Dios nel cielo azteca          [22 giugno 1986
“come rubare il portafoglio a un inglese” – hai detto
contro le leggi della fisica
prodigio della natura
dal fango di Villa Fiorito
al gol azzurro del 3 novembre 1985

28° del secondo tempo: è rigore!? No, contro la Juve no! solo punizione di seconda dentro l’area di rigore con la barriera tropo vicina e la porta troppo nascosta
“Tanto faccio gol lo stesso” – hai detto

Sempre El D10S, el diez
13 tocchi come i miei 13 anni
nel cuore di gioventù
riscatto di popolo
fratellanza di genti
tammurriata sotto al Vesuvio
tango sul Río de la Plata
di qua e di là dall’Atlantico
fortezza d’oceano la dignità
dei poveri e degli ultimi
salpati da un mondo all’altro

¿de qué planeta viniste?

Tutto in una vita sola
Tutto in un uomo solo
la colpa che porti dentro
“Io sono la mia colpa e non la posso rimediare” – hai detto
Ma agli Dei si perdona ogni cosa

Sapevi cosa saresti diventato
Sei stato molto di più di quello che ricorderemo
Sei stato molto di più di quello che sei stato
Sei stato tutto, nel cuore che oggi si è fermato.

Torno ancora ragazzino ogni domenica, alla festa dei miei 13 anni
racconto da tramandare ai giovani che verranno
come l’epica di Odisseo
o quella di Rocky Balboa,
“ Io ringraziare desidero per Diego Armando Maradona
e per il 10 maggio 1987 ”
aggiungo alla poesia dei doni di Jorge Luis Borges.
Nel cuore bambino dei miei figli
leggenda e orgoglio, nuestra felicidad, capitano numero diez
contro i potenti, contro ogni pregiudizio, ingiustizia e discriminazione
Non finirà mai l’amore grande per te, Diego
Ora ti piange tutto il mondo
Ti piange la gente di Napoli davanti al murale nella piazzetta dei Quartieri Spagnoli
lo stadio di Napoli forse verrà intitolato al tuo nome
Ti piange Francesco, 9 anni, che mi ha chiamato oggi in lacrime, alle 17:27
è stato lui per primo a dirmi di te, D10S
lui che cresce nel mio amore
e nel tuo nome
a cada paso la vida

Aquilone cosmico
Così ti cercherò
guardando al cielo azzurro
albiceleste, azzurro argentino.

25.11.2020

Olé Olé Olé Olé
Diego, Diego

Olé Olé Olé Olé
Diego, Diego

💙 Llenó de gloria este suelo – La mano de Dios, Rodrigo Bueno
 
 

❝ la vita è un’avventura che si compie da giovani e per il resto del tempo non viviamo che un dolce ricordo ❞

Diego Armando Maradona
1960 – ∞

❝ Io ringraziare desidero per Diego Armando Maradona
e per il 10 maggio 1987 ❞ – eroe della più bella delle mie età

pochi palleggi e un calcio verso il cielo azzurro di Napoli, dipinto di eterno
nei cuori e sui muri di una città mai vinta
Grazie Diego, per sempre diez.
5 luglio 1984


Grazie per il tempo che hai dedicato a questa lettura. 
Se ti è piaciuta accedi alla pagina Contatti e sostieni con il tuo contributo le iniziative di questo spazio.

Se vuoi sostenere le pagine di Beaufort o le iniziative di CIVICO POESIA fai la tua donazione libera qui.

Donate

> Sostieni il progetto e le iniziative per la produzione della Fiaba musicale La Fantasia del Vento, verrai citato nei credits.

icone-02 - APL - Onlus


DONA ORA

Un pensiero riguardo “Ode a Diego Armando Maradona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...